FacebookTwitter

Gli elementi fondamentali di un libro. *Rullo di tamburi* Il paratesto

By

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

Ci sono elementi che non possono proprio mancare nella composizione di un libro, cartaceo o elettronico. E quando dico che non possono mancare lo intendo categoricamente. Non – possono – mancare.
Non si tratta di sfizi da maniaci dell’impaginazione, ma di parti sostanziali che servono al lettore per identificare e, prima ancora, trovare il nostro libro. E noi vogliamo essere trovati, scelti, letti e recensiti, altrimenti perché pubblichiamo?

Copertina

Partiamo dall’ovvio, il libro deve avere una copertina accattivante ed evocativa del genere in cui ci cimentiamo e del contenuto specifico del nostro libro. Deve urlare: “Comprami, sono il libro che stai cercando. Prendimi e non te ne pentirai”. Sulla grafica tornerò in un prossimo post, ora mi preme parlare degli elementi che la copertina deve riportare: il titolo e l’autore del libro, in un font (tipo di carattere) e con delle dimensioni (corpo del testo) tali da essere leggibili anche nei formati ridotti con cui i distributori online la presentano. Amazon, per esempio, riduce la copertina a 258 pixel di altezza nella pagina di presentazione del libro, a 200 pixel nei risultati di ricerca e a 100 miseri pixel nella sezione “I clienti che hanno visto questo articolo hanno visto anche”. Ecco gli esempi a grandezza reale:

Copertina alta 280 pixel

Copertina alta 258 pixel

Copertina alta 200 pixel

Copertina alta 200 pixel

Copertina alta100 pixel

Copertina alta 100 pixel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quindi è essenziale provare a ridurre la nostra copertina a queste dimensioni per verificare che le sue componenti essenziali restino distinguibili e correggerla di conseguenza.

Frontespizio

Si trova all’interno del libro, in pagina destra (nella prima pagina di un ebook) e riporta nuovamente titolo e autore. Resta essenziale anche per i libri digitali perché molti e-reader aprono il libro su questa pagina anziché su quella della copertina.

Colophon

La pagina successiva (sinistra nei libri cartacei) contiene:

Indice

Può trovarsi dopo il colophon o in fondo al libro (sempre in pagina destra nei volumi cartacei). Negli ebook l’indice può essere sostituito da una TOC (Table of Contents) generata in automatico e consultabile tramite apposito comando del lettore digitale, ma può essere anche inserito nel corpo del libro per una più immediata consultazione.

Bio/bibliografia dell’autore e recensioni

La biografia dell’autore, le recensioni positive e gli altri libri pubblicati sono elementi facoltativi che arricchiscono e completano l’esperienza di lettura. Attenzione che alcuni distributori online proibiscono i link a opere presenti su altri siti, quindi – purtroppo – è meglio evitarli.

Metadati

Sono fondamentali per la ricerca degli ebook e devono essere assolutamente compilati. I principali sono titolo, autore e lingua dell’opera, a cui si possono aggiungere i nomi dei curatori, editor, traduttori, autori di introduzione o prefazione, designer ecc. I metadati si possono inserire nel codice del libro e/o in fase di caricamento sul sito del distributore. Più informazioni si forniscono, più possibilità si danno al lettore di trovare il libro anche tramite chi ha collaborato a realizzarlo. Per esempio,  cercando a mio nome su Amazon si trovano alcuni libri, ma solo del primo sono l’autrice. Degli altri ho curato editing, traduzione e grafica.

Risultato ricerca per "Serena Zonca" su Amazon

Tag e categorie

Indispensabili nella distribuzione online. Facilitano la ricerca del libro, inserendolo in un contesto di opere simili per tipologia e argomento e servono a formare le classifiche. Si possono modificare in qualsiasi momento, quindi vale la pena di sperimentare.

Blurb

Nei libri cartacei è il testo della quarta di copertina. Raccogliete un libro, giratelo, leggete le prime righe della quarta e decidete se sfogliarlo e comprarlo o rimetterlo giù. È quello che fanno regolarmente i lettori. Anche su Amazon e sugli altri siti il blurb rappresenta la descrizione del “prodotto” e deve contenere tutti gli elementi per pungolare la curiosità del lettore, convincerlo della qualità dell’opera, costringerlo (valutato il prezzo) ad acquistarla e a leggerla. Si compila in fase di caricamento del file e può essere modificato successivamente. Ne parlerò in un post specifico, ma se state progettando di pubblicare iniziate subito a identificare il vostro pubblico e a immaginare cosa possa spingerlo a leggere il vostro libro, così sarete pronti a stendere un blurb irresistibile.

Per un glossario dei termini tradizionalmente usati in editoria, consiglio Il paratesto, a cura di Cristina Demaria e Riccardo Fedriga.

4 Comments

  1. Andrej

    10 ottobre, 2013

    Post a Reply

    A volte basta un nulla per scoprire come certe cose che ci appaiono immediatamente indispensabili, mancavano inaspettatamente dal panorama della rete… Grazie per questo blog, davvero grazie!

    • Serena Zonca

      12 ottobre, 2013

      Post a Reply

      Grazie a te Andrej, spero di essere utile. Se hai qualche argomento che vorresti vedere approfondito, si accettano richieste

  2. Giorgio Montolli

    21 giugno, 2014

    Post a Reply

    Ciao,
    vedo che tra le cose da inserire nel colophon non metti il nome dell’editore. Mi sono sempre chiesto se sia sufficiente l’iSBN. Il codice infatti contiene i dati sull’editore, anche se non sono in “chiaro”.

    • Serena Zonca

      6 agosto, 2014

      Post a Reply

      Ciao Giorgio, l’editore dovrebbe avere ottimi motivi per farsi conoscere e trovare quindi sì, generalmente inserisce i suoi dati in colophon. Nel caso dell’autopubblicazione (di cui tratta il blog specificamente) non esiste un editore da citare.
      Hai sollevato un caso interessante menzionando l’ISBN, perché alcuni retailer lo forniscono insieme con la distribuzione. Ma il codice risulta a nome loro e quindi mi chiedo in che status si pongano rispetto all’autore self-published.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Buone prassi per il self-publishing | Autopubblicarsi - […] che vanno, per esempio, dall’adozione di norme editoriali, all’impostazione corretta del paratesto e dei metadati, dalla scelta di un…

Rispondi a Giorgio Montolli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *